6 maggio 2012

(The Bench)

Vola bassa, la gazza.

Con le ali sutura l'asfalto dove ritraccio
passi invisibili, se non a me.
Passi tuoi. Passi nostri.
Passi persi.


Smarrito, un capriolo saltava nel buio
interrotto dai fari.
Smarriti mi appaiamo noi,
malfermi sulle illusioni.

Freddo, il vento
disperde i resti.





ad
06.05.2012



Nessun commento: