6 maggio 2012

Monologo interiore, con lapide

§

Sbattono alle mie spalle, gli annaffiatoi verdi. Mi giro per vedere chi è.
Solo vento.

Seduta sulla tomba di mia nonna con la foto stinta,
voglio tornare qui, penso.
Nessun tradimento sarà peggiore che seppellirmi altrove.

Che avessi un senso doloroso e dolorosamente profondo della morte,
mi illudevo.
Ma quando piangevo ti sei distratto. A salutare lei.
Ombra rotonda coi capelli rossi e un sorriso di voglie esplicite.

Dovrò cambiare residenza per tempo.


A.Dolzan, 29.04.2012





(veramente naufraghi, nel fiume che non c'era : il mio messaggio in bottiglia)

Nessun commento: